Arianna Ordine Naturale – Professional Organizer

Spazi critici in casa: come riordinarli e organizzarli.

superficie orizzontale ordinata

Ci sono degli spazi delle nostre case che sono più difficili da gestire in termini di ordine e organizzazione. Sono dei punti dove l’energia (che dovrebbe scorrere fluida nelle nostre case) si blocca per colpa del caos, del disordine e dall’accumulo di oggetti.

 

Vediamo quali sono questi spazi critici e come sistemarli in modo funzionale e duraturo.

 

giacche

 

INGRESSO:

Ti è mai capitato di entrare in casa, inciampare nelle scarpe e zaini dei tuoi figli? Oppure di avere un porta giacche stracarico di giacche? Oppure trovare oggetti (chiavi, telefono, portafoglio, ecc…) seminati sopra il primo piano orizzontale che si presenta entrando in casa?

Come ben sai l’entrata è utilizzata da tutti gli abitanti della casa ed è importante tenerla sgombra, priva di ostacoli e cose appoggiate. Più il passaggio è libero più le nostre azioni saranno fluide e prive di intoppi.

 

I miei consigli:

 

  • Tieni in questa zona solo quello che è essenziale per uscire come giacche, scarpe, borse, chiavi e accessori.
  • Appendi esclusivamente i capispalla che utilizzi nell’arco della giornata, evitando di accumularne più di uno per persona.
  • Per le scarpe ti consiglio una rastrelliera, da lasciare fuori dalla porta oppure un vassoio portascarpe, oppure ancora un tappetino. 
  • Se non hai un armadio dove mettere i cappotti oppure non hai spazio per un appendiabiti da terra, puoi optare per  degli attaccapanni montati sul muro ad altezze diverse, per adulti e bambini. 
  • Prendi l’abitudine di mettere le chiavi dell’auto e di casa, in un cestino, in un vassoio o scodella. Così saprai sempre dove si trovano. 
  • Se hai un animale domestico prevedi un cestino o una scatolina dove riporre le salviette per pulirgli le zampe, il guinzaglio, i suoi giochi e i sacchettini per la pupù.
  • A casa mia ho un altro cestino dove metto le cose in uscita, quindi, occhiali da sole, burrocacao, cellulari, auricolari. 
  • Cerca di non accumulare volantini, cataloghi e posta non necessaria. Archivia o evadi puntualmente la posta. 

 

 

ARMADIO:

Il tuo guardaroba è un grande caos? Ci sono tantissimi vestiti ma indossi sempre gli stessi? La mattina fai fatica a scegliere cosa indossare? Non riesci più a fare abbinamenti e a godere di ciò che possiedi?

Questo è un punto critico nel quale è facilissimo accumulare disordine, anche perché una volta chiuse le ante il caos sembra non esistere più.

 

L’armadio è in disordine, non perchè è piccolo o c’è poco spazio, ma perché abbiamo acquistato troppo, senza un criterio. 

 

Arrivare a questa consapevolezza ti porta a capire che forse è il caso di eliminare qualcosa, di tenere solo quei capi che:

 

– indossi più spesso (se usurati sostituiamoli o ripariamoli); 

– ti fanno sentire comoda e a tuo agio; 

– ti portano gioia;

– rappresentano il tuo stile attuale;

– ti valorizzano;

– sono di taglie poco diverse dalla tua taglia attuale;

– sono legati a ricordi (se non li utilizzi mettili in una scatola di medie dimensioni).

 

Una volta fatto decluttering, fermati un attimo e decidi: 

  • cosa appendere (abiti, giacche, camicie, maglie particolari, pantaloni eleganti e gonne);
  • cosa piegare (T-shirt, maglioni, felpe, pantaloni, tute, jeans, intimo).

Valuta gli spazi a disposizione. Se hai bisogno di più mensole per i capi piegati, prevedi di inserirle.

 

tavolo

 

SUPERFICI ORIZZONTALI

La tua scrivania è spesso piena di oggetti di vario tipo e ti impediscono di concentrarsi sul lavoro? Il tavolo del soggiorno diventa un punto di accumulo di oggetti che “dopo li metto a posto” ma sono lì da giorni? Il tavolino davanti alla tv ha ancora le mug della sera prima e pigne di riviste da leggere che stazionano lì da mesi? 

I piani di appoggio, in soggiorno, in cucina, in bagno, all’entrata sono un grande punto critico all’interno delle nostre case. Alcune persone utilizzano anche il pavimento per appoggiare libri, riviste, tazze…

 

I miei consigli:

  • assegna un posto definitivo ad ogni cosa. Se hai alcuni oggetti in sospeso (che devi donare, restituire, sistemare) mettili tutti in una zona e appena esci di casa occupatene;
  • regola dei tre tocchi: ogni oggetto lo prendi, lo utilizzi e lo metti al suo posto.

 

Riportare e mantenere l’ordine è un processo molto complicato per alcune persone. Ed è per questo che esiste il mio lavoro di Professional Organizer. Con il mio affiancamento, riporteremo armonia nel suo ambiente casalingo. 

Come? 

  • I tuoi spazi diventeranno più funzionali perché permetteranno di fare con agilità le tue azioni quotidiane. 
  • Avrai più tempo per te perché non sarai più occupata a sistemare più e più volte gli stessi spazi e gli oggetti che li compongono. 
  • Finalmente avrai la mente sgombra dai pensieri e preoccupazioni legate alla gestione degli ambienti domestici perché avrai acquisito un metodo personale di organizzazione.

 

Nella pagina SERVIZI del mio sito potrai vedere la mia offerta. Se invece vuoi fare da sola l’operazione di riordino, vai a leggere i miei consigli sui miei social network: Facebook e Instagram.

Aspetto di sapere i tuoi progressi.

Un abbraccio.

 

Ora!

 

Credits: Unsplash – Pexels